Infiltrazioni d’acqua dal terrazzo in condominio. Chi paga?

Non c’è condominio che non abbia mai avuto a che fare con il più classico dei problemi: le infiltrazioni d’acqua. E quando l’infiltrazione ha origine dal terrazzo, non è raro assistere a diatribe tra il condomino che ha subito il danno e gli altri comproprietari. Chi deve rispondere dei danni?

In tutto ciò, l’amministratore condominiale, per evitare ai suoi clienti di far rotta verso gli uffici degli avvocati, deve subito chiarire una questione…

Terrazzo condominiale a uso comune o terrazzo a uso esclusivo?

Hai presente il regolamento di condominio? In questo documento – se è stato ben redatto e non fa acqua da tutte le parti – viene di solito designato l’elenco dei beni di proprietà esclusiva e dei beni comuni. Tali indicazioni permettono di stabilire, di conseguenza, chi è responsabile della manutenzione di una determinata area e di eventuali danni a essa legati.

La prima cosa da fare, dunque, è consultare il regolamento condominiale per verificare se la terrazza (o il lastrico solare) rientra tra i beni privati di un singolo condomino o è di uso comune.

Una volta appurato ciò, ecco come si procede.

La terrazza è condominiale

Qui le cose sono semplici: se il terrazzo/lastrico solare è condominiale, quindi a uso comune, il ripristino dell’infiltrazione e gli eventuali danni rimangono a carico del condominio.

La terrazza è a uso esclusivo

Nel caso in cui il terrazzo/lastrico solare sia a uso esclusivo o di proprietà di uno dei condòmini, e mantenga comunque la funzione di copertura per gli appartamenti sottostanti, i criteri di ripartizione delle spese possono essere di tue tipi. Vediamoli assieme.

1) Se l’infiltrazione e il conseguente danno sono dovuti a una negligenza manutentiva del proprietario – ad esempio il distacco prolungato nel tempo di mattonelle, che ha favorito l’infiltrazione –, questo è ritenuto l’unico responsabile. Sarà lui a doversi fare carico sia del ripristino che del risarcimento dei danni.
2) Se l’infiltrazione è invece legata a cause non imputabili al proprietario – pensiamo alla normale usura del tempo dei materiali costruttivi –, le spese di ripristino gravano sul condominio. Ecco come vengono divise: 1/3 a carico del proprietario che gode dell’utilizzo esclusivo della terrazza e 2/3 a carico di tutti gli appartamenti (o porzioni di appartamenti) che il lastrico solare copre.

Sembrerebbe tutto chiaro e trasparente. Purtroppo, però, soprattutto nel caso dei terrazzi a uso esclusivo, la discussione è sempre dietro l’angolo. La domanda della discordia, di solito, è questa: c’è stata negligenza da parte del proprietario o meno? Se le parti non trovano un accordo, ça va sans dire, è necessario procedere in giudizio per l’accertamento delle responsabilità.

Speriamo proprio che questo non sia il tuo caso. E se hai bisogno di ulteriori chiarimenti sull’argomento, non esitare a scriverci nei commenti.

 

21 Comments

  1. gennaro luglio 16, 2016
    • Francesco Controzzi luglio 22, 2016
  2. Renato ottobre 31, 2016
    • Francesco Controzzi novembre 3, 2016
  3. Alessia novembre 12, 2016
    • Francesco Controzzi novembre 12, 2016
      • Alessia novembre 12, 2016
        • Francesco Controzzi novembre 15, 2016
          • Alessia novembre 15, 2016
  4. Alessia novembre 17, 2016
    • Francesco Controzzi gennaio 18, 2017
  5. FEDERICA dicembre 15, 2016
    • Francesco Controzzi gennaio 17, 2017
  6. Giuseppe gennaio 14, 2017
    • Francesco Controzzi gennaio 19, 2017
  7. Marco febbraio 8, 2017
    • Francesco Controzzi febbraio 11, 2017
  8. MUSIANO COSTANTINA aprile 17, 2017
    • Francesco Controzzi luglio 3, 2017
  9. marlene june luglio 1, 2017
    • Francesco Controzzi luglio 3, 2017

SCRIVI QUI I TUOI COMMENTI

Shares